Area Riservata

OggiOggi63
IeriIeri69
Settimana correnteSettimana corrente132
Mese correnteMese corrente1384
Dall'inizioDall'inizio384049

Il Sindaco


Dott. Ing. Antonio D'Angelo


Eletto il 10/06/2018 e proclamato l' 11/06/2018

Ubicazione: Palazzo Comunale di San Valentino in A.C. 
tel. 085.8574131  
fax 085.8574332

info Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.




Le competenze del Sindaco

Il Sindaco costituisce il vertice dell’ attività del Comune; è il soggetto responsabile della sua guida e ne è il legale rappresentante. Fatti salvi i casi esplicitamente previsti dalla legge, egli non esercita direttamente competenze gestionali.
Il Sindaco provvede direttamente a svolgere, in particolare, le seguenti attribuzioni:

a) Nomina e revoca degli assessori; 
b) Nomina e revoca del segretario;
c) Nomina e revoca del direttore generale; 
d) Conferimento degli incarichi dirigenziali e nomina dei responsabili degli uffici e dei servizi; 
e) Nomina dei rappresentanti del Comune negli altri Enti pubblici, fatti salvi i casi in cui la legge prevede che vi siano rappresentanti del consiglio comunale dallo stesso eletti;
f) Convocazione e presidenza della giunta, e nei Comuni fino a 15.000 abitanti del consiglio comunale, di cui comunque fa parte; 
g) Sovrintendenza allo svolgimento delle funzioni amministrative;

h) Adozione delle ordinanze urgenti in caso di condizioni d’emergenza sanitaria o d’igiene pubblica;
i) Coordinamento degli orari degli uffici, dei servizi e degli esercizi pubblici;
j) Svolgimento delle funzioni di ufficiale del governo. 

Il Sindaco è sostituito, in caso di assenza, dal Vicesindaco. Le dimissioni, la rimozione, la decadenza, l’impedimento permanente o la morte, nonché l’approvazione da parte del consiglio comunale di una mozione di sfiducia portano a nuove elezioni per il Sindaco e per il consiglio. Nella fase preparatoria delle elezioni, le sue funzioni sono svolte dal Vicesindaco (in caso di impedimento permanente, decadenza, dimissioni o decesso) o da un commissario nominato dal Prefetto (in caso di dimissioni, approvazione di una mozione di sfiducia o di scioglimento del consiglio).