ALLERTE METEO

OggiOggi34
IeriIeri75
Settimana correnteSettimana corrente345
Mese correnteMese corrente1530
Dall'inizioDall'inizio397448

Area Riservata

Giuseppe Tontodonati

Cultura

Giuseppe Tontodonati

giuseppe tontodonatiPoeta dialettale noto non solo a livello locale, Tontodonati nacque nel 1917 a Scafa, comune autonomo dal 1948 ma allora frazione di San Valentino, e trascorse l’infanzia proprio tra questi due paesi fino a quando non si trasferì con la famiglia a Pescara, nel 1927. Dopo aver abbandonato gli studi superiori prese a frequentare il salotto della pittrice Isabella Ardente, con la quale si unì in matrimonio nel 1939, avendo così modo di venire a contatto con diversi esponenti locali del mondo artistico e culturale.

In seguito all’entrata in guerra dell’Italia partì per il fronte albanese, da dove si spostò poi in Grecia; qui fu fatto prigioniero nel 1943 e, rifiutatosi di aderire alla Repubblica sociale italiana, deportato nel lager di Turgau, in Germania. Sopravvissuto a questa terribile esperienza, tornò a Pescara alla fine del 1945. Nel 1954 fu insignito della Croce al merito di guerra per internamento in Germania e, nel 1980, del Distintivo d'onore per i patrioti volontari della libertà.

Tornando agli anni Cinquanta, nel 1954 Tontodonati perse la prima moglie, Isabella, malata di tumore. L’anno successivo sposò Gilda, anch’essa autrice di poesie, con la quale ebbe tre figli. Nel 1959 si trasferì per motivi di lavoro a Bologna: durante gli anni della sua permanenza nel capoluogo emiliano partecipò attivamente alla vita culturale della città e proprio qui fu più prolifica la sua produzione, specialmente quella dialettale.

Nel 1971 fondò a Bologna, insieme con altri artisti locali, il Centro internazionale delle arti, da lui diretto per alcuni anni e attivo fino al 1984. A questo periodo risalgono pubblicazioni come “Storie paesane”, "Dommusè – Ballata Abruzzese", “Le Scafe”, “Terra lundane”, "Sa' Mmalindine". Per i suoi componimenti usò spesso il nostro dialetto, prediligendo la forma del sonetto; nelle sue poesie, incentrate soprattutto sulla rievocazione nostalgica dei luoghi d’origine, vengono richiamati di frequente il paesaggio abruzzese, in particolare le montagne e, fra queste, la Majella; le scene di vita quotidiana del paese; le memorie di infanzia e giovinezza. Difatti il trasferimento a Bologna non indebolì affatto il legame di Tontodonati con la sua terra ma semmai sembrò rinsaldarlo: nei suoi versi si avverte molto forte l'attaccamento nei confronti di San Valentino, paese di cui il poeta descrisse contrade, chiese, personaggi e tradizioni e per il quale compose anche una canzone ("Sa' Mmalindine", musicata dal maestro Giuseppe Di Pasquale). Nel 1981 ricevette dal Comune la cittadinanza onoraria di San Valentino.

Morì il 6 gennaio 1989 a Bologna. Nel 2009 gli è stata assegnata dal prefetto di Bologna la Medaglia d’onore della Repubblica italiana, dedicata ai deportati e agli internati militari nei lager nazisti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Poesie su San Valentino

SA' MMALINDINE

di G. Tontodonati

Sà Mmalindine!..secreta speranze
de stu core sì ttu...terra lundane...
ddò màmmeme fiurì le gravedanze
e piccirille me purtì pe mmane...,

Addò lu ddore fresche de lu pane
prufume l' arie e accorce le destanze
de sta cuntrad' andiche...rustecane...
ggindile de custume e dde crijanze.

Nu pajese destande gne na stelle,
fra-i-nibbele durate e li nevale
scindellande de sole alla Majelle.

De vjecchie storie parle lu castelle..,
de fede la superba Catetrale
nghe la facciate de lu Vambetelle.

VANNARDI' SSANDE

di G. Tontodonati

Vannardì Ssande de la Passijone..!
A Sà Mmaldine, gna scende la sere,
le pije donne, nghe lu vele nere,
che la Madonne va mbrucissijone.

Scalze porte la croce lu latrone.
Candènne l' accurate Miserere,
refà lu ngappucciate le Mestere
de lu Calvarie add ògne Stazzijone.

Le tremulande spère de cannele
allumenè la strade a Ccriste Morte,
purtat' a spalle avvolte che nu vele.

Dapù avè redente sta bbabbele,
lu Patraterne spalanghì le porte
e trjiunfànde l' accujise ngele.

FESTE DE SETTEMBRE

di G. Tontodonati

Ah, feste de settembre,.. quanda vene
lu jorne dèce de Sanda Nicole..!
Mamme arruvè a nonna Felumene
gna le cambane salutè lu sole,

E le bbomme scuoppiè, tra nu bbalene
de lambe, all' aperture... tra nu vole
de culumbacce pe lu ciel serene,
e scagne de salute e dde parole.

La bbande, quasce-sembre na pugliese,
nghe na marcia sunande de Vesselle,
apre la feste e svejje lu pahese.

Lu spare a mezzijiurne e lu castelle
le fa mastre Frangische de Turrese,
e ffa tremà le case e la Majelle..!



 

LA PUTECHE DE MASTRE CAITANINE

di G. Tontodonati


La puteche de mastre Caitanine
è, gna si dice, nu porte de mare.
Ce se ngòndre: Mecchè lu pannacciare
Cialine Paravende e zi Tubine

Zaraffe Zeppelelle Paccuttine
Fasciule Muzzarelle le Ferrare
Nuhè Peppe Ciandònie li Fruscine
Tunine Corpe Morte e Mundepare

Carzille Pruvelare Paparelle
la Caffittire Peppe Scionna Scionne
lu Zèzzere Caconze e Pataccune

Mbapocchie Savecicce Patatelle
Pretare Dò Vvaldine de Retonne
Papè Stracciapulende e Sciabbelune.

SAND’ANDONIE RESTAHURATE

di G. Tontodonati

Oh Patr’ Abbràme!..li Sande Rimìte
che ppréhene, nzelénzie, lu Signóre,
nghe le Sande Rilliquie, fanne córe
attórne all’ Ostie Sàcre de la vìte.

Remess’ a gnóve, tutt’ a repulìte,
nghe la Madonne dlu Divin’ Amóre,
sta Cchjése à resbucciàte gne nu fióre
tra le case che ppópele stu sìte

Lu Sand’ Abbàte nghe la cambanèlle,
Sand’ Anne, màtre de Maria-Bbmbìne,
e la casta Madónne dla Cintúre.

So’ rrenàte allu sole, a la cultúre,
nghe lu pajése de Sa’ Mmalindìne!..
l’ órghene sône gne nna ciaramélle.

 


MADONNE DE LA CROCE, ARCUNZACRÀTE

di G. Tontodonati

Chi sso’ che le ddu’ téste curunàte,
cli libbre mmàne e nghe li sguàrde dóce,
che, nghe Sam Bitre e Ppávele alli làte,
te lódene, o Madonne de la Cróce..?

La spére, sull’ altàre arcunzacràte,
schiarisce lu zuffitte culor-nóce.
Da nu stùcche di jésse, accafucchiàte,
lu Patratérne fa sindì la vóce.

Da la véle dlu tózze cambanile
rendocc’argende na cambàna ci che,
a stu pahése, come nu bbalive.

A cquà la Féde tê’ sapore andìche:
e ccéle e ttérre arennudé stu file
pure gna ci crisscéve la reddìche.